NonnAvventura. Genesis

Condividi!

Hai Quarantanni.

Se la tua valigia è uno zaino in spalla, al terzo giorno ti viene la sciatica. Ma tu te lo metti comunque, lo zaino in spalla perché un bagaglio morbido è fondamentale per il tipo di viaggi che ti piacciono. Però prepari anche un trolley. Piccolo. Ti piace viaggiare da sola. O in coppia. O con un’amica fidata. I gruppi e la organizzazione che ne deriva ti danno la claustrofobia.

Le vacanze al mare sono per te quasi l’equivalente di Guantanamo.  La vitamina D non sai esattamente cosa sia.

In nome della libertà, prenoti tutti i tuoi viaggi sull’Internet, prediligi i Bed&Breakfast e, in generale, dormi nei posti che presentano il miglior rapporto prezzo/qualità, laddove il prezzo è spesso il principale elemento di qualità. Quando sei a casa, ti prude sempre la zip della valigia e sogni posti nuovi da conoscere, anche se sei contenta pure di un breve viaggio di lavoro. Poi, se ti capita di fare zapping in tv, becchi “DonnAvventura” e devi correre dal medico per una improvvisa e rara forma di rash cutaneo.

I travel Influencer e i loro profili su Instagram, invece, ti provocano una fastidiosa tossetta secca. Probabilmente stai somatizzando la stizza perché anche tu vorresti guadagnarti da vivere viaggiando. Ma non lo ammetterai mai: la tua vita normale con un lavoro che ti paga i viaggi alla fine ti piace. Continui a tossire, quindi.

I viaggiatori dell’Anno Sabbatico ti producono un discreto sconcerto. Li trovi in Ostello, per lo più. Non gli viene la sciatica anche se girano sempre con zaini enormi. Stanno collegati alla flebo del wi fi come se ne andasse della loro idratazione. Quando tu esci, loro rimangono in ostello, quando torni, li trovi in ostello: cosa abbiano fatto nel frattempo rimane oscuro. Hanno Tempo, tanto Tempo. Quello che a te manca, considerato che i tuoi viaggi sono un o’ come l’età dei cani: devi compattare in 3 settimane l’itinerario di 3 mesi dei loro.

La categoria con la quale hai il più complesso rapporto di amore/odio è quella dei Viaggiatori Francesi. Loro sono sempre i più belli, i meno stanchi, i più disinvolti, i più atletici, i più preparati e riescono sempre a vedere più cose di te, prima di te, con meno gente di te, pagando meno di te. Hanno un tasso di cambio tutto loro, è probabile.
Se per caso incontri un InstaInfluencer-ViaggiatoreFrancese-in AnnoSabbatico, sei spacciato.

Ti piace pensare che sei unica nel tuo genere e probabilmente lo sei.
Tu, gloria del creato e della cultura pop, sei una NonnAvventura.

1